La guerra dei 13 anni

La guerra dei  13 anni (1454-1467)

 

Nel 1454 si aprì la Guerra dei Tredici anni, una vera e propria guerra civile tra la Confederazione Prussiana (Der Preussische Bund) formata dai rappresentanti delle città e della nobiltà, e i Cavalieri.

La Confederazione provocò una rivolta generale e chiese aiuto al Re di Polonia, promettendo, che, se fossero stati confermati i suoi privilegi, la Prussia sarebbe divenuta vassallo della corona polacca. Metà delle città defezionò e anche gran parte dei vescovi, coi loro capitoli, fece atto di sottomissione al sovrano polacco.  

Il 18 settembre 1454, tuttavia, i Teutonici rafforzati da contingenti tedeschi sconfiggevano i polacchi ed i confederati a Konitz in Pomerelia, mentre il Papa decideva di scomunicare i ribelli e il re di Polonia, appoggiato dall’Imperatore Federico III e dalla maggior parte dei sovrani europei.

Quel che mancava ai cavalieri, tuttavia, era il denaro per mantenere un forte esercito; così l’Ordine fu costretto a cedere la Nuova Marca (il suo possedimento più occidentale) all’elettore del Brandeburgo, perché insolvente nei suoi confronti. L’Ordine si trovò nell’impossibilità di pagare i mercenari, per gran parte hussiti boemi. Il re di Polonia, allora, prese con loro contatti, chiedendo, in cambio del pagamento del soldo, la cessione delle città, in cui erano di guarnigione.

 il Gran Maestro Michael von Sternberg

 il Gran Maestro Michael von Sternberg 

 

Il 19 ottobre 1466 si giunse al secondo Trattato di Thorn; i possessi dell’Ordine furono spartiti: i territori a ovest, Kulmerland, Michalow, la Pomerelia con Danzica, Marienburg, Elbing, Christburg passavano alla Polonia, mentre all’Ordine restava la Prussia orientale con Memel e Königsberg.

Infine il Gran Maestro accettava di divenire vassallo della Polonia e consigliere della Corona, non potendo così essere deposto senza il consenso reale; inoltre i nobili polacchi potevano accedere all’Ordine, purché il loro numero non superasse la metà.  

Si venivano così a creare due Prussie: quella reale, dipendente direttamente dalla Polonia e quella ducale o teutonica, stato vassallo della corona.